Crea sito

Birds of Prey

TRANSCRIPT

Dopo la delusione di Suicide Squad, la Warner Bros ha deciso di sfruttare l’unico personaggio che era venuto abbastanza bene in quel film e dedicarle uno stand alone. Specifichiamo che Harley Quinn in Suicide Squad non era un personaggio poi così ben fatto, a partire dal redesign del costume classico che è diventato un costumino striminzito con tanto di collare dorato. Diciamo che era una specie di insulto a ogni donna, Margot Robbie compresa che non è mai stata contenta di doverlo indossare, ma all’epoca non ha avuto voce in capitolo.

Le caratteristiche che conoscevamo finora di Harley erano 1) l’essere sexy 2) essere completamente pazza e 3) essere innamorata di Joker, che si serviva di lei approfittandosi dei suoi sentimenti, prendendosi gioco di lei e maltrattandola. Ammetto che dopo la visione di Suicide Squad Harley Quinn non mi piaceva, non mi piaceva nè come era stato rappresentato il personaggio, nè la rappresentazione in positivo dell’amore malato tra lei e Joker, i tratti negativi della loro relazione (praticamente tutti) non sono stati evidenziati abbastanza. (tipo quando la lascia affogare)

La decisione quindi di fare un film con protagonista Harley e senza la presenza del Joker è stata accolta in modo molto positivo dalla sottoscritta, ancor di più sapendo che avrebbero introdotto altri personaggi DC finora mai visti al cinema. In previsione dell’uscita di Birds of Prey mi sono lasciata tentare dalla nuovissima serie animata su Harley Quinn, prodotta dal canale streaming DC Universe e doppiata in lingua originale da Kaley Cuoco (ancora inedita in Italia) e questo mi ha alzato di parecchio le aspettative per il film, nella speranza che avrebbero mantenuto lo stesso stile per Haley. Quindi una storia decisamente sopra le righe, con una protagonista folle, ma comunque con intelligenza e spirito di iniziativa, violenza gratuita e senso dell’umorismo nella giusta dose. E per fortuna il film è proprio così. 

Partiamo dall’inizio: Harley è la voce narrante di questo cinecomic e sin da subito ci dice che lei e Joker si sono lasciati, è in piena fase di post rottura ed è anche alla ricerca di se stessa. Piccola nota positiva: mentre parla delle sue passate relazioni parla anche di una ex fidanzata, così ci viene presentata la sua bisessualità e fa ben sperare per una futura introduzione di Poison Ivy nei film. Tornando alla trama, il fatto che lei e Joker si siano lasciati è però ancora un segreto, perché in quanto sua fidanzata lei poteva fare tutto ciò che voleva godendo di immunità tra i criminali di Gotham perché nessuno voleva far arrabbiare Joker, ma una volta che Harley dichiara apertamente la rottura le cose cambiano. Tutti quelli che hanno subito un torto da lei sono pronti a cercare vendetta perché pensano che senza la protezione di Joker lei sia un facile bersaglio.

Così iniziano i guai: tutti la cercano, criminali e polizia di Gotham. Nel frattempo la sua storia si incontra con quella di altre donne: René Montoya, poliziotta di Gotham che cerca di farsi strada in un ambiente corrotto e che non riconosce i suoi meriti, Dinah Lance che si guadagna da vivere cantando nel club di proprietà di un boss della malavita e Cassandra Cain, giovane borseggiatrice amica di Dinah che si ritrova ad avere per le mani un furto molto più importante di quel che avrebbe mai potuto immaginare. Nel frattempo una misteriosa Cacciatrice assassina a colpi di balestra alcuni criminali.

Tutte loro si ritroveranno ad avere un nemico comune: Black Mask, ovvero Roman Sionis, interpretato da Ewan McGregor. Black Mask è un cattivo con molte caratteristiche classiche: è semplicemente cattivo e basta, non ha lati positivi, è crudele, non ha nessuna forma di empatia o pietà e si serve delle persone con puro egoismo, compreso del suo più fedele aiutante (è abbastanza evidente che vadano a letto insieme, ma allo stesso tempo Black Mask non prova sentimenti per lui) Il rapporto tra lui e il suo aiutante mi ha ricordato un po’ quello tra Harley e Joker, un cattivo che sfrutta i sentimenti di qualcuno pronto a tutto pur di compiacerlo. 

Il film ha un buon ritmo, la storia è ben sviluppata e i personaggi sono tutti interessanti, ognuno di loro ha un passato che lo/la caratterizza e che porterà i reciproci destini a incrociarsi. Le scene d’azione sono veramente ben fatte e divertenti da guardare, c’è tanta violenza gratuita e un paio di scene mi hanno dato particolarmente fastidio per via della violenza, ma questa direi che è più una nota positiva che negativa. Harley finalmente è un personaggio vero e proprio, con una propria volontà indipendente da Joker, finalmente la vediamo sfoggiare le sue doti di acrobata e anche di psichiatra! Nonostante la sua follia è dotata di empatia a differenza di Joker e questo la porta ad avere legami quasi di amicizia. Anche lo stile estetico del personaggio è stato rivoluzionato in meglio, con un look alla moda e più pratico per lei. Con anche citazioni da costumi visti in passato in videogiochi o fumetti. 

Quello che rimane evidente alla fine è che le Birds of Prey sono appena all’inizio e speriamo di vederle presto in azione anche in altri film DC, indipendentemente da cosa farà Harley. Il girl power è forte è ben rappresentato con tanti piccoli accorgimenti.

ATTENZIONE, oltre a violenza particolarmente esplicita ci sono anche un paio di scene di molestie verso due donne, une delle quali è proprio Haley. (l’altra una donna al club di Roman)

Nel finale poi l’azione raggiunge il suo apice e l’ambientazione è in pieno stile Gotham pur mantenendo i toni di Harley, più colorati e folli e legati a clown.

→ Sleepless in Fandom ←

Commenta questo post

Pubblicato da Marisa

fangirl a tempo pieno, adora passare il tempo a leggere libri interessanti (meglio ancora se stanno per diventare film, così da disturbare gli altri spettatori con la tipica frase "però nel libro.."), guardare serie tv che risucchino completamente la vita sociale, guardare film al cinema ogni volta che riesce, disegnare e dipingere imbrattando le sue t-shirt nerd preferite (mannaggia) e passa le domeniche a preparare argomenti per i suoi podcast multifandom (le recensioni yeee)